Il concetto di Architectura Activa, a cui questo testo intende attribuire una formulazione teorica, è mutuato dalla definizione di "vita activa" di Hannah Arendt. Obiettivo del testo è la definizione di una teoria architettonica non inerte e non confinata nel campo della pura speculazione disciplinare, ma che si proponga come possibile e concreta metodologia operativa. Le attività progettuali con caratteri di impermanenza territoriale finora sono state percepite come disordinate, poco organizzate sottoforma di pensiero strutturato, spesso confuse con procedure tecnologiche e funzionali allo stato puro, nel migliore dei casi scambiate per deboli, inammissibili e impuri fenomeni architettonici.

Architectura Activa

€18.00Prezzo

    Bramea Editore  P.IVA IT 01938410766